martedì 26 novembre 2013


IL VAGITO DI UN BIMBO

 

Nell’umiltà di una grotta

la Vergine prescelta,

Mamma

concepisce in Spirito

Santo

Unico Figlio; un dono

a noi uomini.

Un pianto che scuote

le coscienze, nutre come un fiume

le sue sponde.

Gocce d’amore

per dissetare il mondo.

L’amore di Dio, Padre e Figlio

fattosi carne: un regalo prezioso

l’anima di Dio, lo Spirito Santo

cuore e amore.

 

Chiara

5 commenti:

  1. Un dono, e che dono!
    Inizia l'attesa e la mente corre alla natività.
    Immaginazione e immagini entrate ormai nella tradizione.
    Una grotta
    La prima casa dei nostri preistorici genitori riscoperta per il figlio di Dio.
    La grotta come simbolo di essenzialità e fragilità
    Da quell'evento non siamo più stati soli e senza uno scopo
    Il re del regno dei celi

    RispondiElimina
  2. Il calore del Natale sta riempiendo le case ed i blog dove la poesia sfocia nel più grande amore.
    Ti faccio i miei più cari auguri di Buon Natale e felice Anno nuovo
    Giorgio

    RispondiElimina
  3. Ciao Chiara
    E' da un pò che non ti vengo a trovare. Ma hai un altro blog? In questo non hai postato più dall'anno scorso!
    In goni caso, le tue poesie sono sempre belle.
    Baciobacio

    RispondiElimina
  4. Cara Chiara
    Grazie per il lungo commento che mi hai lasciato. >Certo che le situazioni sono per tutti un po' critiche. Speriamo che ci sia presto una svolta verso il meglio, altrimenti non so come faremo. Ci stanno togliendo tutti i risparmi di una vita.
    La pioggia da noi non c'è stata...solo poche gocce. Da quel che vedo in TV, i nostri luoghi sembrano un Paradiso. Sole...sole...e temperature tiepide.
    Baciobacio

    RispondiElimina